25.12.15

MERRY CHRISTMAS TO ALL MY FOLLOWERS........

Share:

16.12.15

Albert Watson on Style Magazine - by Audrey Tritto




Ci sono alcuni incontri che segnano la vita perché la figura che stai incontrando e' molto più grande di quello che riesci a vedere e, man mano che le parole si accumulano, capisci che l' incontro che stai vivendo non sarà mai più ripetibile.




Share:

12.12.15

FRANK SINATRA HAS A COLD

ENGLISH EDITION -  When Frank Sinatra had a cold.
On 12 December 1915 Frank Sinatra, " The Voice" , was born.  Since RadioMonteCarlo
became my ideal place where music , pictures , fashion and ideas tend to aggregate in a new and interesting way, i discovered new items reflection to share with the readers of my blog, and I was reminded of the wonderful book " Frank Sinatra has a cold " that just few days ago I browsed the Taschen bookstore in Milan .

ITALIAN  EDITION - Quando Frank Sinatra aveva il raffreddore.
Il 12 dicembre del 1915, nasceva Frank Sinatra “The Voice” e da quando RadioMonteCarlo è diventata il mio luogo ideale in cui la musica, le immagini, la moda e le idee tendono ad aggregarsi in maniera nuova ed interessante, ho scoperto nuovi elementi di riflessione che voglio condividere con i lettori del mio blog, e mi è tornato alla  mente il meraviglioso libro “ Frank Sinatra ha il raffreddore” che proprio pochi giorni fa ho sfogliato nella libreria Taschen di Milano.

ENGLISH EDITION - I remained are astonished in The Beautiful images That tells " The Voice" , the Hollywood star and an America dreamed What Not coming back ever again, in Los Angeles that perhaps leaving an indelible mark of class and style unique that still continue to inspire fashion and contemporary culture.

ITALIAN  EDITION - Sono rimasta senza fiato nel vedere le splendide immagini che raccontano “The Voice”, la Star Hollywoodiana di un’America sognante e sognata, in una Los Angeles che ha lasciato un segno indelebile di classe e di stile irripetibili, e che tutt’ora contnuano a ispirare la moda e la cultura contemporanea.

FRANK SINATRA  WITH  LEWIS MILESTONE- DIRECTOR OF MOVIE  OCEANS'S11 - COURTESY TASCHEN BOOK - FRANK SINATRA HAS COLD



FRANK SINATRA  WITH  LEWIS MILESTONE- DIRECTOR OF MOVIE  OCEANS'S11 -  AND BILLY WILDER - IN THE TOP OF THE PICTURES - ANGIE DICKSON AND SAMMY DAVIS JR   - COURTESY TASCHEN BOOK - FRANK SINATRA HAS COLD
ENGLISH EDITION - “Sinatra with a cold is Picasso without paint, Ferrari without fuel — only worse. For the common cold robs Sinatra of that uninsurable jewel, his voice, cutting into the core of his confidence.” —Gay Talese

The author of the book , Gay Talese , talks about his experience as a correspondent for Esquire , the men's fashion magazine founded in 1933 in the US - which had among its contributors writers like Hemingway , Truman Capote etc ... - when in ' winter of 1965 he was sent to Los Angeles to interview and tell Frank Sinatra .
When he arrived, he found the singer and his vigilant entourage on the defensive: Sinatra was under the weather, not available, and not willing to be interviewed.
Undeterred, Talese stayed on in L.A., believing Sinatra might recover and reconsider, and used the meantime to observe the star from a careful distance and to interview his friends, associates, family members, and hangers-on. 

ITALIAN  EDITION - L’autore del libro, Gay Talese, racconta la sua esperienza come inviato di Esquire, la rivista maschile di moda fondata nel 1933 in Usa  - che ha avuto tra i suoi collaboratori scrittori come Hemingway, Truman Capote etc... - quando nell’inverno del 1965 fu mandato a Los Angeles per intervistare e raccontare Frank Sinatra.
Quando arrivò, trovò il cantante e il suo entourage sulla difensiva: Sinatra era indisposto e non voleva essere intervistato. Un semplice raffreddore aveva derubato Sinatra del suo gioiello - non assicurabile – “ la voce”.
Imperterrito, Talese rimase a Los Angeles, credendo di poter rivedere e recupere Sinatra, e utilizzò l’attesa per osservare la “Star” da lontano, intervistando i suoi amici, colleghi, familiari, e i “parassiti” che lo circondavano.

FRANK SINATRA   - COURTESY TASCHEN BOOK - FRANK SINATRA HAS COLD



ENGLISH EDITION - Sinatra never did grant the one-on-one he had hoped for, but Talese’s tenacity paid off: his profile Frank Sinatra Has a Cold went down in history as a tour de force of literary nonfiction and the advent of the “New Journalism.”

 Its incisive portrait of Sinatra in the recording studio, on location, out on the town, and with the eponymous cold, revealed as much about a singular star persona as it did about the Hollywood machine.

ITALIAN EDITION -Sinatra non gli concesse mai l’intervista one-to-one che Telese aveva sperato, ma la sua tenacia alla fine pagò: il suo articolo “ Frank Sinatra ha il raffreddore” è passato alla storia come un “tour de Force” della saggistica letteraria e ha segnato l’avvento del “New Journalism”.

Il suo incisivo ritratto di Sinatra nello studio di registrazione, nella città, e con il raffreddore, ha rivelato molto di un personaggio, di una star,  e di come era fatta la macchina Hollywoodiana.

FRANK SINATRA   - COURTESY TASCHEN BOOK - FRANK SINATRA HAS COLD

ENGLISH EDITION - The Gay Talese introduction and facsimile reproductions of manuscript pages, correspondence, and original storyboard, revealing the making of this New Journalism marvel.

To complete the Sinatra picture, the text and archival material is interwoven with photographs of Sinatra from the legendary lens of Phil Stern, the only photographer granted access to Sinatra over four decades, as well as from top photojournalists of the ’60s including John Bryson, John Dominis, and Terry O’Neill.

The Talese’s character study by documenting the many complex facets of Sinatra: the voice, the showman, the doting father, the Hollywood magnet, and the man with, in his own words, an “over-acute capacity for sadness as well as elation.”
 
An exceptional document for those who love the image and photography , but also feel the need to dive into a world that will never return . Dedicated to all those who believe in the music and in style , enjoy it with good music RMC .

ITALIAN EDITION - L’introduzione di Gay Talese e le riproduzioni delle pagine manoscritte, della corrispondenza, e degli storyboard originali, rivelano come è nata questa meraviglia del “New Journalism”.

Per completare il quadro di Sinatra, il testo e il materiale di archivio si intreccia con le fotografie di Sinatra scattate dal leggendario obiettivo di Phil Stern, l'unico fotografo a cui per quattro decenni Sinatra si è concesso, così come le immagini dei migliori fotoreporter degli anni '60 tra cui John Bryson, John Dominis, e Terry O'Neill.


Lo studio del personaggio fatto da Talese documentano le molteplici sfaccettature complesse di Sinatra: la voce, lo showman, il padre affettuoso, il magnetismo Hollywood, e l'uomo con, le sue stesse parole, aveva "una capacità per la tristezza così come per l’esaltazione esagerata ".

In poche parole un documento eccezionale per chi ama l’immagine e la fotografia, ma anche sente il bisogno di tuffarsi in un mondo che non tornerà mai più. Dedicato ai tutti coloro che credono nella musica e nello style, godetevelo con la buona musica di RMC.

FRANK SINATRA   - COURTESY TASCHEN BOOK - FRANK SINATRA HAS COLD

FRANK SINATRA   - COURTESY TASCHEN BOOK - FRANK SINATRA HAS COLD

FRANK SINATRA   - COURTESY TASCHEN BOOK - FRANK SINATRA HAS COLD


FRANK SINATRA   - COURTESY TASCHEN BOOK - FRANK SINATRA HAS COLD
FRANK SINATRA   - COURTESY TASCHEN BOOK - FRANK SINATRA HAS COLD





Share:

3.12.15

ROSE DE VAUVILLE - THE ARTISTIC SIDE OF FASHION







ENGLISH EDITION - The art seen from Fashion. Rose DeVauville, the art of Collage
The world of art according to the point of view of Fashion is a captivating experience, and hearing this told by a woman who has lived at the creative core of the French Haute is really a unique perspective.   

Rose De Vauville, stage name of Daniel Paturel, is an artist who has worked along with the greatest French Maison: she has collaborated with Ungaro, Balmain accessories, Guerlain accessories and for 15 years she has been following the production of the creative ideas that were the basis of the creations of John Galliano and Dior.

In the following interview she recounts herself and shows her passion for a job that goes beyond the simple work. A life spent in a constant research between material and immaterial art, among emotions, ideas and inspirations that have been synthesized into her art of Collage works.  L’arte vista dalla Moda.  Rose DeVauville, l’arte del Collage.

ITALIAN EDITION - Il mondo dell’arte secondo il punto di vista della Moda è una esperienza affascinante, e sentirselo raccontare da una donna che ha vissuto nel cuore creativo dell’Alta Moda Francese è realmente una prospettiva unica.

Rose De Vauville, il nome d’arte di Daniel Paturel, è un’artista che ha lavorato con le più grandi Maison Francesi: ha collaborato con Ungaro, agli accessori Balmain, agli accessori Guerlain e, per 15 anni, ha seguito la produzione creativa delle idee che sono state la base delle creazioni di John Galliano e Dior.

In questa intervista Rose DeVauville si racconta e mostra la sua passione  per un lavoro che va oltre il lavoro. Un vita spesa nella ricerca incessante tra arte materiale e immateriale, tra emozioni,  idee, e ispirazioni, che si sono sintetizzate nelle sue opere d’arte del Collage.



ENGLISH EDITION - Laces, feathers, pearls, gloves and photographs merge themselves into a visual image which transforms, thanks to her manual skill, the most modern side of a creative job that goes beyond the communicative barriers and comes into the public eye as universal language.


We met at 2174 meters high, on top of the world, where we talked about her job during the St. Moritz Art Masters 2015 event.  

In a room decorated with chandeliers filled with candles and cherubs, pearls and accessories used by the artist in her compositions; on the walls there were her creations that impressed me for their elegance and beauty.

ITALIAN EDITION - Pizzi, piume, perle, guanti e fotografie si fondono in una immagine visiva che trasforma, nella sua manualità,  il lato più moderno di un lavoro creativo che supera le barriere comunicative e si impone come linguaggio universale.


Ci siamo incontrate a 2174 metri di altezza, sul tetto del mondo, dove abbiamo parlato del suo lavoro in occasione dell’evento d’arte di St. Moritz Art Masters 2015.
In una sala addobbata con lampadari pieni di candele e puttini, perle e accessori utilizzati dall’artista nelle sue composizioni, tra le pareti le sue creazioni che mi hanno colpito eleganza e bellezza.


ENGLISH EDITION - Rose Devauville – Do we speak French? Yes, well…. Because… Finally my job is very “French”. I have been working in fashion a lot, that’s true… For 15 years with Dior and with John Galliano. France of the ’30, ’40 and ’50 is my inspiration; here there was the real “Glamour”, in the expression of Black and White, in the elegance of France… I hope that it will come to pay tribute to the work of my work ..., indeed that is the idea.  

ITALIAN EDITION - Rose Devauville - Parliamo in Francese? sì bene...perchè...finalmente il mio lavoro è molto"Francese", ho lavorato molto nella moda..è vero...per 15 anni con Dior, e con John Galliano,  la mia ispirazione è la Francia degli anni '30, '40, '50 dove veramente c'era il " Glamour " nell'espressione del Nero e del Bianco, dell''eleganza della Francia....io spero che arrivi a rendere omaggio ai lavori del mio lavoro..., questa è l'idea infatti.





Share:

7.11.15

APPLE HERMES WATCH - THE PARTY - PARIS 2015



The video of my experience on launch of Apple Watch Hermès in France.

The Hermès Apple Watch 

ENGLISH -  The Hermès Watch is an Apple Watch with a value of 1400 Euro in which Hermès has refit the very idea of wearable technology with the leather strap/bracelet, building a new perspective fire from which notice the evolution of our daily future. With this new product a new period of Lifestyle starts, in which the fight between the past and the future, old and modern has crystallized itself in a new “temporal and space” condition in which cohabit all the possible elements, provided that endowed with “chemical” affinity that makes them unique, different, but at the same time equal for instrinsic value.    

ITALIANO L’Hermes Watch è un Apple Watch da 1400 euro in cui il -  cinturino/bracciale in pelle Hèrmes - ha rielaborato il concetto stesso di wearable tecnology, costruendo un nuovo fuoco prospettico da cui osservare l’evoluzione del nostro futuro quotidiano. Con questo nuovo prodotto inizia una nuova fase del Lifestyle, in cui la lotta tra passato e futuro, antico e moderno si è cristallizzato in un nuovo stato “temporale e dimensionale” in cui convivono tutti gli elementi possibili, purchè dotati di quella affinità “chimica” che li rende unici, diversi, ma allo stesso tempo uguali per valore intrinseco..


Share:

1.11.15

APPLE HERMES OR HERMES APPLE WATCH ? ELECTIVE AFFINITIES


AUDREY WITH NICK FOULKES AND GILLIAN DE BONO OF HOW TO SPEND IT - FINANCIAL TIMES MAGAZINE

ENGLISH -The official launch of Apple Watch Hermès in France. Lancio ufficiale in Francia dell’Apple Watch Hermes.

ENGLISH - In the emotive firmament of our age, “elective affinities”, maybe once unthinkable, arise, live, compound and overtake the own fantasy of whom creates them. As the chemical elements that have the inclination and the ability in searching, joining and completing themselves like an “attraction” due to their own nature, so in the Luxury and Lifesyle world grouping, that up to one history moment were unconceivable, arise and realize themselves, as happened for the official campaign in Paris of Apple Watch Hermès.    

ITALIANO Nel firmamento emotivo del nostro tempo, nascono, vivono e si compongono “affinità elettive” forse un tempo impensabili, che sorpassano la fantasia stessa di chi le ha generate. Come gli elementi chimici che hanno la tendenza e la capacità di cercarsi, aggregarsi, e completarsi in una sorta di “attrazione” legata alla loro stessa natura, così nel mondo del Luxury e del Lifestyle nascono e si realizzano aggregazioni fino ad un certo momento della storia, inimmaginabili, così come è accaduto per il lancio ufficiale a Parigi dell’Apple Watch Hermes.

HERMES WINDOWS ON RUE DE SEVRES 17 PARIS

HERMES RUE DE SEVRES 17 PARIS
The Hermès Apple Watch 
ENGLISH -  The Hermès Watch is an Apple Watch with a value of 1400 Euro in which Hermès has refit the very idea of wearable technology with the leather strap/bracelet, building a new perspective fire from which notice the evolution of our daily future. With this new product a new period of Lifestyle starts, in which the fight between the past and the future, old and modern has crystallized itself in a new “temporal and space” condition in which cohabit all the possible elements, provided that endowed with “chemical” affinity that makes them unique, different, but at the same time equal for instrinsic value.    

ITALIANO L’Hermes Watch è un Apple Watch da 1400 euro in cui il -  cinturino/bracciale in pelle Hèrmes - ha rielaborato il concetto stesso di wearable tecnology, costruendo un nuovo fuoco prospettico da cui osservare l’evoluzione del nostro futuro quotidiano. Con questo nuovo prodotto inizia una nuova fase del Lifestyle, in cui la lotta tra passato e futuro, antico e moderno si è cristallizzato in un nuovo stato “temporale e dimensionale” in cui convivono tutti gli elementi possibili, purchè dotati di quella affinità “chimica” che li rende unici, diversi, ma allo stesso tempo uguali per valore intrinseco.

AUDREY AT THE ENTRANCE OF HERMES BOUTIQUE FOR THE HERMES APPLE WATCH PRESENTATION



Creative space
ENGLISH -  It is a “miracle” due to that “Elective Affinity” mentioned earlier, made by a same language, that although different for purposes and primary needs, put both of them in the same creative space where people can enter through a encrypted key, difficult to be repeated, made by aesthetics, fashion and refinement: in one word Style. The own concept of “uniqueness” is evolving and all this will mean in the future something else compared to what today we term unique.  

ITALIANO E’ un “miracolo” avvenuto grazie a quella “Affinità Elettiva” di cui parlavamo prima, fatta di uno stesso linguaggio, che seppur diverso, sia per intenzioni che per esigenze di base, pone entrambi nello stesso spazio creativo in cui si può accedere attraverso una chiave cifrata e difficile da replicare fatta di estetica, eleganza, e classe: in una parola di Style.
Il concetto stesso di “unicità” si sta evolvendo e questa significherà nel futuro qualcos’altro rispetto a ciò che oggi noi definiamo unico.




THE INCREDIBLE ENTRANCE OF HERMES BOUTIQUE
Share:

10.10.15

CHANEL SS 2016 - CHANEL AIRLINES .........I WILL FLY WITH YOU !


The Chanel world is a different world and it is difficult to understand about its own essence. It is a place, a mental space, a charming passion more similar to a mania than a simple attraction.

If I should try to explain about the emotions and psychological reflexes which break out in a woman mind when she thinks about or spells these 6 magic letters “CHANEL” I think that I can just say 7 letters. “Ferrari”.
 


Il mondo Chanel è un mondo a parte d cui è difficile comprenderne l’essenza. E’ un luogo, uno spazio mentale, una seducente passione molto più simile ad una mania che ad una semplice attrazione.

Se dovessi cercare di spiegare quali emozioni e quali riflessi psicologici si scatenano nella mente di una donna, quando si pensano o si pronunciano questo 6 magiche lettere “CHANEL” credo che semplicemente  potrei pronunciare solo 7 lettere. “Ferrari”.











Only in this way a man can understand the Chanel world and, despite he is not able to  realize the true value, he can feel its emotional quality, similar to an instinctive reaction that a man has when, in the first millisecond of visual reaction, he understand to look at a Ferrari.




Chanel is an emotion born with dolls when we were children, that increased in teens, it is the reasoned insanity of a dangerous attraction, it is what about women feel the “damned” need to “own”.


Solo così un uomo può capire il mondo Chanel e, nonostante non possa comprenderne il reale valore, può percepirne la qualità emotiva, simile a quella reazione istintiva che un uomo produce quando, nei primi millisecondi di reazione visiva, capisce di vedere dinanzi a se una Ferrari.

Chanel è l’emozione nata con le bambole da bambina che si perpetua dalla adolescenza su di noi, è la follia ragionata di una attrazione pericolosa, è ciò di cui le donne sentono il “dannato” bisogno di “possedere”.





The main difference with the men universe is just in it, is that Chanel is a need for ourselves and not for the others, it seems that women feel it as a part of their own femininity  that for some unknown reasons it had been taken away from the birth.

It is a research and a need that never stop, and that instead of burning out it increases stronger as it should be an essential element of our life.   

With this preamble it is clear how was my emotion in taking part in this incredible show in Paris where, in Gran Palais changed in an unreal Airport gate, CHANEL AIRLINES takes on board all the guests for the flight to “CHANEL” land.

The guests have seen in front of them an airport line with check in desks full of beautiful hostess and young good looking ground hostess who have given instruction about the seats, handed out tickets and catalogues near to the desks with conveyor belt for the baggage board.  


La grande differenza con l’universo maschile è proprio in questo, nel fatto che Chanel è un bisogno per sé e non per gli altri, è come se le donne lo sentano come una parte della propria femminilità che per qualche ragione ci è stata tolta dalla nascita.
E’ una ricerca e un bisogno che non si ferma mai, e che nel tempo invece di spegnersi, cresce sempre più forte come se fosse un elemento imprescindibile della propria esistenza.

Con questa premessa si capisce quale è stata l’emozione, per me, di partecipare a questo incredibile show a Parigi dove, nel Gran Palais trasformato in un Gate di un Aereoporto immaginario, la CHANEL AIRLINES ha imbarcato le migliaia di invitati a prendere il volo con destinazione “CHANEL” land.

Gli invitati alla sfilata si sono trovati dinanzi un ala di un aeroporto con tanto di desk check in occutati da splendide hostess e giovani assistenti di terra di bella presenza, che fornivano indicazioni su dove sedersi, e consegnavano i biglietti e cataloghi, vicino ai desk dotati di nastri trasportatori per il bagaglio da imbarcare.





Share:

6.10.15

JOHN RICHMOND SS2016 - THE ROCK PERSONALITY


John Richmond per me rappresenta lo spirito “Rock” del fashion, inteso come sofisticato momento di fusione di elementi naturali della chimica della moda, attraverso una chiave di lettura decisamente identitaria.
Le passioni che formano il “suo” universo stilistico, continuano ad attrarmi perchè sono istintivamente presenti nel mio inconscio ogni qualvolta devo scegliere i capi che voglio indossare per i miei outfit.



“Personalità” è per me un concetto che identifica uno stile che porta con sè qualcosa di segreto ma percepito, che va riscoperto ogni giorno e che sento molto vicino al mondo di John Richmond.
Determinazione, Sexyness, Libertà di “essere sè stessi”, voglia di poter decidere di “non voler indossare per forza tutto quello che la moda propone”, questo è il mio punto di partenza, e questo suo modo di creare “style” lo percepisco molto affine.


BALMAIN LEATHER JACKET, ALEXANDER McQUEEN FOULARD , PINKO TOP, PHILIPP PLEIN LEGGINGS, STELLA McCARTNEY BAG,  





Da anni seguo il suo percorso, e in molte collezioni ne vedo tracce, ne riconosco il profumo, e sento il suo incedere, unico e sofisticato, molto vicino e ogni giorno mi ritrovo a scoprirne elementi che diventano sempre più attraenti.
John è uno stilista planetario, sofisticato creativo che porta la sua ricerca sempre avanti, spinto da una passione che vede la musica, sempre al primo posto nella sua mente.




Probabilmente non esiste niente altro di più evocativo, e questa passione viene sempre fuori nelle sue creazioni: un ricamo, un tessuto, un abbinamento, il sottofondo musicale delle sfilate evidenziano questo patrimonio genetico di creatività.

Le canzoni dei Soft Cell e del suo solista Marc Almond, sono state il tappeto sonoro i cui “splendide silhouette” tutte rigorosamente con i “capelli rossi” hanno raccontato un nuovo progetto estetico, in cui richiami di geometrie “simmetriche”, si sono esteriorizzati in composizione cromatiche “liberty style” dove sia i materiali, che i colori e i tagli geometrici,  hanno reso questa collezione una pietra miliare della sua storia nella moda, al pari delle stesse canzoni che l’hanno raccontata.




Ho visto apparire, il “rock” di John Richmond, nei meravigliosi abiti lunghi presentati come avrei sempre voluto ma che non arei potuto essere in grado di raccontare.
E’ stato un vero spettacolo fatto di trasparenze sexy che mettono i evidenza le gambe……e che fanno di una donna l’essenza della bellezza.

Oh my god!!!…..ho sempre adorato gli abiti lunghi nonostante li abbia sempre visti un po’ fuori dal tempo ma terribilmente necessari in un guardaroba che si rispetti, e sempre ho faticato a trovare qualcosa che mi potesse attrarre al primo impatto.







Stavolta, John, ha saputo mescolare con sapienza le trasparenze, ponendole in una tela neutra, il corpo della modella, in cui le linee conducono lo sguardo sull’abito come se fosse un percorso tracciato su una mappa virtuale.

Simile ad un circuito stampato, di una scheda elettronica, di un prototipo di androide umano, ha regalato al corpo femminile, un’immagine senza tempo, in cui la bellezza segue le linee dei tagli e dei ricami piuttosto che i vuoti delle nudità.





L’effetto optical delle texture sulle stampe richiama la stessa logica e ricorda i giochi cromatici di “futuro” e di modernità degli anni 70, rivisitato in chiave più pop insieme a scarpe con tacchi spessi e in contrasto di colore, che hanno dato la giuste dose di Glam alla collezione.

Una menzione speciale per il giubbino in pelle con i tagli geometrici, e il tubino con le trasparenze laterali, ripetuto poi nelle gonne lunghe, che rimandano al design bicolore delle più moderne vetture ibride ed elettriche presentate nei car Show del 2015.


I suoi tagli e i rapporti geometrici, molto squadrati e sofisticati, creano il sottile filo conduttore che vede il design evolversi verso una precisa direzione, in cui John Richmond risulta sempre proiettato, in cui “style” e “moderno” si fondono seconde le nuove regole del ….sexy!!


E’ questo il….nuovo”Rock ”?

Audrey
Audreyworldnews






Share:

1.10.15

GIORGIO ARMANI SS2016 E IL SEGRETO DELLA SUA BELLEZZA






Il Giorgio Armani di quest’anno è veramente speciale perché segna i suoi 40 anni nella moda e rendono questo momento memorabile nelle storia del Fashion mondiale.

Share:

24.9.15

PHILIPP PLEIN ss2016 - THE INCREDIBLE CYBERPUNK SHOW


Share:

5.9.15

100 MILLION OF EURO IN ST MORITZ ART MASTERS 2015

GIOVANNI PANCRAZZI - MASERATIRUNDUM
Share:

9.8.15

Leonardo di Caprio charity night - st tropez 2015


Share:

28.7.15

Alaia villa borghese Roma - The Couture sculpture


Roma – Villa Borghese

Share:
© AudreyWorldNews fashion luxury lifestyle | All rights reserved.
Blog Design Handcrafted by pipdig