Paris Photo 2018 - Stairs Obsession | AudreyWorldNews fashion luxury lifestyle

Subscribe

25.11.18

Paris Photo 2018 - Stairs Obsession



ENGLISH EDITION - Paris Photo is the place that, more than any other in the world, defines the state of the art of photography, just like Art Basel does for contemporary art. It is the place where hundreds of art galleries meet, similar to a visual kasbah of paper and colours, where the primary business is to sell and buy printed photographs of every value and size. A place, in some ways unsettling and sublime at the same time, because the Grand Palais that collects them physically, is a true metaphysical journey into the world of perception, of contemporary photography and human spirit, much more like a walk within our brain that creates dreams similar to those that every day we do with our thoughts.


Those images, the thousands of frames that run through our minds and overlap in an illogical and creative sequence, become difficult to narrate as when in the morning, thinking back to the dream we just lived, we have difficulty to preserve the details, while the emotions that those dreams have caused us are still there for many more hours. Paris Photo was an incredible experience, a continuous and unstoppable sequence of images and emotions, so full and devastating that, after a few hours, I found myself walking, totally alienated, among the hundreds of people who flooded the fair, in the grip of a visual trance in which, my eyes, gave direction to my body in an "apparent" psychological dizziness.



A sea of images that have made me suffer, laugh, reflect and ironize, leaving my spirit free to wander in its immense depth.One day wasn't enough to be able to explore it all, and so every day of my stay in Paris, I went to discover different points of view. More than 200 exhibitors from all over the world and many major sponsors have allowed this fair to become an incredible aggregator not only for artists and gallery owners, but also for publishers who also bring rare and unique editions of their productions to this event.



Paris Photo, however, was not only this, it was also a "mental" meeting point where public and private institutions met, awarding prizes, developing cycles of conversations with curators, artists, collectors and critics, exploring the history of photography and its becoming through emerging visions and trends. Among these events, we should not forget "In Paris during Paris Photo", which brings together a dense network of Parisian cultural institutions that includes some of the richest photographic collections in the history of the world.

Stairs Obession #2  - Angela Lo Priore 

From 7 to 11 November Paris was the centre of the world not only for photography but also from a political point of view, because the closure of Paris Photo coincided with the celebration of the centenary of the signing of the armistice of the Great War 1915-18. In a very well armored Paris, with many of its main streets completely closed, a few steps from the Grand Palais, 72 heads of state and government, including Putin and Trump, met under the Arc du Triomphe for the official commemoration.

Stairs Obession #10 - Angela Lo Priore - Stairs Obession #11 
An incredible week in which art and politics a few meters from each other, defined their scenarios under the same cloudy sky, redrawing likely clashes and encounters, which we will certainly see interpreted in a creative key, in the next editions of this wonderful spectacle of photography.  I can't judge everything I've observed and admired, I can only say that the creative richness I've been able to observe has made me breathe deeply like I hadn't done in a long time.A big surprise was the meeting with the photographer Angela Lo Priore who brought, together with Valerio Tazzetti's art gallery, some of the images of his new photographic production focused, as always, on the relationship between women and the world in which they live.


Stairs Obession #9 - Angela Lo Priore

Angela Lo Priore is a particular character who knows how to live the relationship with the camera, never forgetting to be first of all a woman who wants to live her time, immersed in normal daily life, being able to afford the luxury of having one foot in front of and one behind the camera, which allows her to live and feel all the nuances of female psychology. She has the merit of being able to look with a particular eye that allows the aesthetics and the form to bind in a narrative concept in which colors, lights, whites and blacks, reflect in some way the immensity of the female thought.

Stairs Obesession #12-Angela Lo Priore 

Stairs Obesession #11- Angela Lo Priore
Her work, focused on feminine fragility, recounts the sense of vertigo that women feel in their lives, identified by the spiral staircases of the architectural structures, that symbolize the obligatory path that we are forced to live in the search for our identity. Women, more sensitive and fragile, more easily can fall by letting themselves be swept away by the vortex of life, and often live and destroy themselves in the emotional voids, on the bottom of which they very often lies. A concept developed in various shapes and colors that bewitches for its beauty but at the same time also has a great tragedy.


Angela Lo Priore with Diane Pernet  
A research path that the artist has developed in such a profound way that each image, stairs-spiral –woman, strikes for the harmony between bodies and geometric structures, making full the sense of loneliness of the beauty of women, which in turn generates a sense of abandonment. A vortex of pain in which women, however beautiful they may seem, are often involved, and which can make them fall into an emotional precipice. Angela Lo Priore confessed to me that the genesis of this project, from an aesthetic point of view, owes much to Vertigo, the film by Alfred Hitchcock that deeply inspired her to generate this visual research.

A big eye and a big heart for a great female tale.
Paris …. Encore!!!








ITALIAN EDITION - Paris Photo è il luogo che, più di tutti gli altri al mondo, definisce lo stato dell’arte dell’immagine e della fotografia, al pari di quello che fa Art Basel per l’arte contemporanea. E’ il luogo in cui si incontrano centinaia di gallerie d’arte, simile ad una kasbah visiva di carta e colori, in cui il business primario è vendere e comprare fotografie stampate di ogni valore e dimensione. Un luogo, per certi versi inquietante e sublime allo stesso tempo perché il grand Palais, che li raccoglie fisicamente, è un vero viaggio metafisico nel mondo della percezione e dello spirito umano, molto più simile ad una passeggiata all’interno del nostro cervello e con i suoi pensieri. Le immagini, i migliaia di fotogrammi, che scorrono nella nostra mente, si sovrappongono in una sequenza illogica e creativa, diventando difficili da raccontare così come quando, al risveglio, ripensando al sogno appena vissuto, abbiamo difficoltà a conservare i dettagli, ma abbiamo memoria delle emozioni che quei sogni ci hanno provocato.


Il Paris Photo è un’esperienza incredibile, una sequenza continua e inarrestabile di immagini ed emozioni, così piena e devastante che dopo alcune ore, mi sono ritrovata, a camminare totalmente estraniata, tra le migliaia di vistatori, in preda ad una trance visiva in cui, i miei occhi, davano la direzione al mio corpo in un “apparente” stordimento psicologico. Un mare di immagini che mi hanno fatto soffrire, ridere, riflettere e ironizzare lasciando il mio spirito, libero di vagare nella sua immensa profondità. Non è bastato un giorno per poterla esplorare tutta, e così ogni giorno della mia permanenza a Parigi, sono andata li’ a scoprire differenti punti di vista.

Più di 200 espositori giunti da tutto il mondo e tanti grandi sponsor, hanno permesso a questa fiera, di diventare un aggregatore incredibile non solo per gli artisti e i galleristi, ma anche per gli editori che in questo evento portano anche edizioni rare e uniche delle loro produzioni. Paris Photo è stata anche un punto di incontro “mentale” in cui istituzioni pubbliche e private si sono incontrate, hanno premiato idee e artisti, hanno sviluppato cicli di conversazione con curatori, artisti, collezionisti e critici, che esplorano la storia della fotografia e del suo divenire attraverso le visioni e le tendenze emergenti.


Fra queste non va dimenticata "In Paris during Paris Photo" che riunisce una fitta rete di istituzioni culturali Parigine che comprende alcune delle collezioni fotografiche più ricche di storia del mondo. Dal 7 all’ 11 novembre Parigi è stata il centro del Mondo non solo per la fotografia ma anche dal punto di vista politico, perché la sua chiusura è coincisa con celebrazione del Centenario della firma dell'armistizio della Grande Guerra 1915-18. In una Parigi blindatissima, con molte delle strade principali completamente chiuse, a pochi passi dal Gran Palais, 72 capi di Stato e di Governo tra cui Putin e Trump, si sono incontrati sotto l’Arco di Trionfo per la commemorazione ufficiale.

Una settimana in cui l’arte e la politica a pochi metri l’una dall’altra, definivano i loro scenari sotto lo stesso cielo nuvoloso, ridisegnando probabili scontri e incontri, che sicuramente rivedremo interpretate in chiavi creative, nelle prossime edizioni di questo meraviglioso spettacolo della fotografia. Non riesco a dare giudizi su tutto quello che osservato e ammirato, posso solo dire che la ricchezza creativa che ho potuto osservare, mi ha fatto respirare profondamente come non avevo fatto da tanto tempo.

E fra queste emozioni, una grande sorpresa è stato l’incontro con la fotografa Angela Lo Priore che ha portato insieme alla galleria d’arte di Valerio Tazzetti, alcune delle immagini delle sua nuova produzione fotografica incentrata, come sempre, sul rapporto fra le donne e il mondo in cui vivono. Angela Lo Priore è un personaggio particolare che sa vivere il rapporto, con la macchina da presa, non dimenticando mai di essere prima di tutto una donna che vuole vivere il suo tempo, immersa nel normale vivere quotidiano, potendo permettersi il lusso di avere un piede davanti ed uno dietro la macchina fotografica, che le permette di vivere e sentire tutte le sfumature della psicologia femminile.


Lei ha il merito di saper guardare con un occhio particolare che permetter all’estetica e alla forma, di legarsi in un concetto narrativo in cui i colori, le luci, e bianco neri, riflettono in qualche modo l’immensità del pensiero femminile. Questo lavoro, Stars Obession, incentrato sulla fragilità femminile, racconta il senso di vertigine, identificato dalle scale a spirali delle strutture architettoniche dei grandi padri del razionalismo italiano, che le donne provano nella loro esistenza, e che simboleggiano il percorso obbligato che essa stessa ci costringe a vivere nella ricerca della nostra identità. La donna che è più sensibile e più fragile, e più facilmente può cadere lasciandosi travolgere dal vortice della vita, spesso vive e si distrugge nei vuoti emotivi, sul cui fondo lei, molto spesso, giace. Un concetto sviluppato in varie forme e colori che ammalia per la sua bellezza ma allo stesso tempo è anche una sua grande tragedia.


Un percorso di ricerca l’artista ha sviluppato in maniera così profonda tanto che ogni immagine “Scale – Spirali – Donne”, colpisce per l’armonia fra i corpi e le strutture geometriche, rendendo appieno il senso di solitudine che la bellezza delle donne a sua volta genera, per assurdo, un senso di abbandono. Un vortice di dolore in cui le donne, per quanto belle possano essere, spesso le coinvolge e le fa cadere in un precipizio emotivo. Angela Lo Priore mi ha confessato che la genesi di questo progetto, dal punto di vista estetico, deve molto a Vertigo, il film di Alfred Hitchcock che l’ha ispirata profondamente per generare questa ricerca visiva.

Grandi occhi e grande cuore per una grande racconto femminile.
Paris …. Encore!!!
Audrey Tritto
Per approfondire e vedere altre immagini vai al sito www.audreyworldnews.com












Share:
© AudreyWorldNews fashion luxury lifestyle | All rights reserved.
Blog Design Handcrafted by pipdig