Paris Fashion Week FW 2019/20 - Balmain, Elie Saab, Issey Miyake, Vivienne Westwood | AudreyWorldNews fashion luxury lifestyle

20.3.19

Paris Fashion Week FW 2019/20 - Balmain, Elie Saab, Issey Miyake, Vivienne Westwood

Audrey on Trocadero- Outfit : Philipp Plein Jacket . Borsalino Hat - McQueen Shoes


ENGLISH EDITION - Have you ever tried to follow in a row and all in one breath the fashion week of Milan LONDON and Paris? I've never done this before and I have to confess that you really need a beastly physique to hold on!!! I thought it was an easy task, but after 3 weeks of continuous travels and displacements, I can say that it was a really difficult adventure even if exciting.

Elie Saab Fashion Show Fall Winter 2019/20

10 or 15 fashion shows are not only an opportunity to be present at the center of the fashion scene, but mean also 15 outfit problems imagining to decline a version of oneself in these incredible contexts. The biggest challenge is to imagine yourself, inspired by the brand that you will see on the runway, trying to interpret yourself feeling in tune with the context in which you will enter, always trying to remain oneself.



I don't like, as I see more and more often around, turning into a mannequin that pretends to be different, but rather I like the challenge of combining myself with the context, according to an interpretative line that I have of that brand. Lots of Outfits to prepare and lots of luggage to organize to be in Paris and Milan always at my best, with my identity and my idea of beauty.


I feared that my strength would run out, but Paris, with all its beauty, did for me what I never imagined. She drugged me with her class, letting me be seduced by its places and its sensations, so much so that even now, when I left it, I already want to go back!
Audrey with Loredana Nastro - Elie Saab Commercial Director Worldwide at the Fashion Show Fall Winter 2019/20
I was afraid to start this fashion week losing the Balmain show because of a delay in the slots of the private jet with which I crossed the Alps, in a breathtaking setting where the snowy mountains have given me a spectacular good morning with a beautiful sun to frame the flight. The driver's skill and luck made up for lost time, to land in time and arrive just a few minutes before the start of the Balmain show, when everyone was already sitting in the Espace Champerret hall.


Elie Saab Fashion Show Fall Winter 2019/20
I was just lucky to have been able to attend a show in which the creative splendour of this fashion genius, has been able to make even bigger a brand that today represents with Plein my aesthetic horizon in the world of fashion. Now that the great Karl is gone I feel like looking at him as the next Lagerfeld of fashion and, even if this is only my impression, I think he can really become the future Chanel of the next millennium. The triumph of patent-leather in all its forms and its declinations have struck me a lot and, even if in the air you can feel that something is changing, I can not help but emphasize that his skill has reached levels of great artist. Paris is a wonderful silver plate where the fashion proposals take on a different charm from Milan and perhaps it is precisely in this that he hides his secret.


Balmain Fashion Show Fall Winter 2019/20
You can range, as in the rooms of a modern art museum, from one aesthetic dimension to another, without realizing that its beauty may also depend on it. A fascination that multiplies and perpetuates even in unexpected places, such as the school where I attended the simply fantastic show of Issaye Miyake that took place within a school of the beginning of the last century, which was the incredible setting for a colorful and fun parade in which the female body turned out to be a wonderful palette on which, the geometries and colors of Japan, have indicated a new direction to imagine your own colorful creativity. 

Issaye Miyake Fashion Show Fall Winter 2019/20
Above the notes of a soft voice, ethereal but consistent creations, similar to the souls of the new generations, daughters of the digital world, have intersected on the black rubber field of the gym, located at the center of the school, outlining color trails on an animated canvas, visible from above, as a screen Oled 8k of the latest generation and its screeensavers.A great exercise in happy minimalism applied to fashion that we could hardly have seen in Milan, where the pragmatism of the sell out, would have easily blocked it. Issey Miyake gave me a moment of pure creativity that I probably won’t be able to wear but that showed me a way to explore.

Andreas Kronthaler's fashion show for Vivienne Westwood, on the other hand, has a different look, telling us about a new dimension of Westwood creativity, opening the way to something different, always in line with the pure creative spirit of a woman who has been able to carve out a space of her own in the firmament of fashion over time. Compared to what I had seen in the past, we can see more particular elements, reversible or transformable garments that assume, depending on their use, various forms that can play a role of true creativity in the male and female wardrobe provided that this is considered a cue for freedom related to ideas and thoughts to be applied to one' s existence.


Vivienne Westwood Fashion Show Fall Winter 2019/20

A beautiful fashion show in which the usual is "the unusual", and for this reason takes on a great narrative value in the aesthetic hierarchy of a world that still needs to dream to become something even more beautiful and wonderful. Issaye Miyake and Vivienne Westwood were two very different collections, both for their aesthetic, chromatic and philosophical rigour, but at the same time they are one of the great riches that fashion must preserve in order to offer the great horizon that humanity needs to inspire itself.


Vivienne Westwood Fashion Show Fall Winter 2019/20
At the height of the almost-beyond-the-lines creativity of these two “artists” of fashion, I plunged back into the Paris that I love, that of the fashion ateliers and its creators, who seem to have been born especially to be able to shine with their own light, along the avenues of classical Paris, the romantic one that makes you dream of wonderful love stories lived in its lights and its colors. And once again, Paris has hit the spotlight with its "power of love", which I found in Eliee Saab's pret-a-porter collection, full of that romanticism and daring that make you feel as excited as you did the first time.


Elie Saab Vivienne Fashion Show Fall Winter 2019/20
A collection made of dresses, jackets and spectacular creations, in which the ethereal mix of transparencies of tulle and lace are mixed with jumps, necklines, bows that with shiny trousers enhance the transparencies immersed in various colors in which black, fire red and scarlet gold, give the crepe and organza its own reason for being. A "dream" that has brought me back to the origins of my passion, in which great designers like Elie Saab represent a firm point, a polar star of style and creative ability, who knows how to render in Paris, with his work, the dignity of "unique and inimitable" place of the earth where creativity applied to the shape of the female body finds its ecstasy.


Elie Saab Vivienne Fashion Show Fall Winter 2019/20
Paris is the "scent of Woman", the place where the past has carved so deeply into the present, showing it the path of stylistic excellence, which has given it eternity, despite the constant flow of time. A spectacular fashion week, which despite the plurality of proposals always remains the true academy of the history of world costume, in which class and style can be felt everywhere: in its boutiques, in its bistros, in its streets, and on the banks of the river.  I can't speak otherwise of this dream that every season is perpetuated even in my heart.
Paris Encore!!!


Audrey on Pont Neuf - Outfit : Philipp Plein Coat . Borsalino Hat - McQueen Shoes

ITALIAN EDITION - Avete mai provato a seguire di seguito e tutte di un fiato le fashion week di Milano Londra e Parigi? Io non l’avevo mai fatto e devo confessarvi che per reggere ci vuole realmente un fisico bestiale !! Pensavo che fosse un’impresa facile, ma dopo 3 settimane di viaggi e spostamenti continui, posso affermare che e stata una avventura realmente difficile anche se entusiasmante.
Audrey on Place Vendome - Irresistor Sunglasses Outfit: Philipp Plein Jacket, 



10 o 15 sfilate non sono solo una occasione per essere presenti al cento della scena della moda, ma sono anche 15 problemi di Outfit da immaginare per declinare la propria versione di sé in questi incredibili contesti. La Sfida maggiore è immaginarsi, ispirandosi al brand che vedrai sfilare, cercando di interpretarsi sentendoti in sintonia come il contesto in cui ti calerai, cercando cioè di essere sempre te stessa.


Audrey on Trocadero - Outfit Philipp Plein Jacket 

Non mi piace, come vedo sempre più spesso in giro, trasformarmi in una mannequin che si finge diversa, ma piuttosto mi piace la sfida di combinarmi con il contesto secondo la mia linea interpretativa che io ho di quel brand. Tanti Outfit da preparare e tanti bagagli da organizzare per essere a Parigi come a Milano sempre al meglio, con la mia identità e la mia idea di bellezza ..

Temevo che le forze mi sarebbero venute a mancare, ma Parigi con tutta la sua bellezza, ha fatto per me quello che non avrei mai immaginato. Mi ha drogata con la sua classe lasciandomi sedurre dai suoi luoghi e dalle sue sensazioni, tanto che ancora adesso, che l’ho lasciata ho voglia di tornare da lei! Temevo di iniziare questa fashion week perdendomi la sfilata Balmain a causa di un ritardo negli slot del private jet, con cui ho attraversato le Alpi in uno scenario mozzafiato in cui le montagne innevate mi hanno regalato un buongiorno spettacolare con uno splendido sole a fare da cornice al volo. L’abilità del pilota e la fortuna mi hanno fatto recuperare il tempo perduto, per atterrare in tempo e giungere solo pochi minuti prima dell’inizio della sfilata Balmain, quando ormai erano già tutti seduti nella sala dell’Espace Champerret.


Sono solo stata fortunata di aver potuto assistere ad uno show in cui, lo splendore creativo di questo genio della moda, ha saputo rendere ancora più grande un brand che oggi rappresenta con Plein il mio orizzonte estetico nel mondo della moda. Adesso che il grande Karl non c’è più’ io mi sento di guardare a lui come il prossimo Lagerfeld della moda e, anche se questa è’ solo una mia impressione, credo che lui possa realmente divenire il futuro Chanel del prossimo millennio. Il trionfo della vernice in ogni sua forma e la sue declinazioni mi hanno colpito parecchio e, anche se nell’aria si sente che qualcosa sta cambiando, non posso fare a meno di sottolineare che la sua bravura ha raggiunto livelli da grande artista. Parigi è un meraviglioso piatto d’argento dove, le proposte della moda, assumono un fascino differente da Milano e forse proprio in questo nascondono il suo segreto.

Audrey on Place Vendome - Irresistor Sunglasses Outfit: Philipp Plein Jacket


Puoi spaziare, come nelle stanze di un museo d’arte moderna, da una dimensione estetica altra come, senza accorgerti che la sua bellezza forse dipende anche da questo. Un fascino che si moltiplica e si perpetua anche in luoghi inaspettati, come lo spazio in cui ho assistito alla sfilata, semplicemente fantastica di Issaye Miyake, svoltasi all’interno di una scuola degli inizi del secolo scorso, che ha fatto da incredibile scenario ad una sfilata colorata e divertente in cui il corpo femminile si è’ rivelato una meravigliosa tavolozza su cui le geometrie e i cromatismi giapponesi, hanno indicato un nuova direzione verso cui immaginare la propria creatività colorata. Sopra le note di una voce soave, delle creazioni eteree ma consistenti, simili alle anime delle nuove generazioni, figlie del mondo digitale, si sono intersecate sul campo di gomma nero della palestra, posta al centro della scuola, delineando scie cromatiche su una tela animata, visibile dall’alto, come uno schermo Oled 8k di ultima generazione e i suoi screeensavers. Un grande esercizio di minimalismo felice applicato alla moda che difficilmente avremo potuto vedere a Milano in cui il pragmatismo delle sell out, l’avrebbe facilmente bloccato. Issaye Miyake mi ha regalato un attimo di pura creatività che probabilmente non riuscirò ad indossare ma che mi ha indicato una strada da esplorare. Di diverso aspetto invece la sfilata di Andreas Kronthaler per Vivienne Westwood che ci ha raccontato una nuova dimensione della creatività Westwood aprendo la via a qualcosa di differente sempre in linea con lo spirito creativo puro di una donna che ha saputo nel tempo ritagliarsi uno spazio tutto suo nel firmamento della moda. Rispetto a ciò che avevo visto nel passato, si intravedono elementi più particolari, capi reversibili o trasformabili che assumono a seconda del loro utilizzo, varie forme che possono giocare un ruolo di vera creatività nel guardaroba femminile e maschile a patto, che questo venga considerato uno spunto di libertà collegato a idee e pensieri da applicare alla propria esistenza. Una bella sfilata in cui l’usuale è “l’inusuale”, e per questo assume una grande valore narrativo, nella gerarchia estetica di un mondo che ha bisogno ancora di sognare per trasformarsi in qualcosa di ancora più bello e meraviglioso. Issaye Miyake e Vivienne Westwood sono state due collezioni molto diverse fra loro sia per il rigore estetico e cromatico che filosofico, ma allo stesso tempo sono una delle grandi ricchezze che la moda deve conservare, per offrire quel grande orizzonte di cui l’umanità ha bisogno per ispirarsi.


All’apice della creatività quasi oltre le righe, di questi due “artisti” della moda, mi sono rituffata nella Parigi che amo, quella degli atelier di moda e dei suoi creatori, che sembrano essere nati apposta per poter brillare di luce propria, lungo i viali della Parigi classica, quella romantica che fa sognare meravigliose storie d’amore vissute nelle sue luci e nei suoi colori. E ancora una volta Parigi ha colpito in pieno con il suo “potere dell’amore” che ho ritrovato nella collezione pret a porter di Elie Saab piena di quel romanticismo e in quella audacia che ti fanno emozionare come la prima volta. Una collezione fatta di abiti, giacche e creazioni spettacolari, in cui il mix etereo di trasparenze di tulle e pizzi si mescolano con balzi, scollature, nodi a fiocco che con pantaloni luccicanti valorizzano delle trasparenze immerse in vari colori in cui il nero, il rosso fuoco e l’oro scarlatto, donano alla crepe e all’organza una propria ragione d’essere. Un “sogno” che mi ha riportato alle origini della mia passione, in cui i grandi stilisti come Elie Saab rappresentano un punto fermo, una stella polare di stile e di capacità creativa, che sa rendere a Parigi, con il proprio lavoro, la dignità di “unico e inimitabile” luogo della terra in cui la creatività applicata alla forma del corpo femminile trova la sua estasi. Parigi è il “profumo di Donna”, il luogo in cui il passato ha inciso così profondamente nel presente, indicandogli la via dell’eccellenza stilistica, che gli ha donato l’eternità, nonostante il flusso costante del tempo. Una fashion week spettacolare, che nonostante la pluralità di proposte rimane sempre la vera accademia della storia del costume mondiale, in cui la classe e lo stile si riescono a sentire ovunque: nelle sue boutique, nei suoi bistrot, nelle sue strade, e sulle rive del fiume. Non riesco a parlare diversamente di questo sogno che ogni stagione si perpetua anche nel mio cuore.  Paris Encore!!!

Audrey
www.audreyworldnews.com

leggi questo articolo anche su Style Magazine del Corriere della Sera.
https://style.corriere.it/moda/paris-fashion-week-fw-201920/



Share:
© AudreyWorldNews fashion luxury lifestyle | All rights reserved.
Blog Design Handcrafted by pipdig